You can place your slogan here.
This would also be a great spot for a top product pitch.
Rinnovamento nello Spirito Santo
Friuli Venezia Giulia

Sito ufficiale
del RnS regione Friuli Venezia Giulia - Italia
Sito ufficiale del
Rinnovamento nello Spirito Santo
Regione   Friuli Venezia Giulia   Italia
Il Comitato regionale di servizio (CRS)

§ 1. Il Comitato regionale di servizio è composto da un numero di membri non inferiore a cinque.

§ 2. Il Comitato regionale di servizio riconosce le realtà locali su proposta del Comitato diocesano di servizio o sentito il Coordinatore diocesano, ove il Comitato
diocesano di servizio non sia stato istituito.

§ 3. Il Comitato regionale di servizio è corresponsabile con il Coordinatore regionale dell’attuazione dei programmi e delle iniziative decisi dai competenti organi a livello nazionale o deliberati a livello regionale.

§ 4. Il Comitato regionale di servizio sostiene e verifica in un fraterno
accompagnamento l’attività dei Comitati diocesani di servizio e dei Consigli diocesani.
Il Comitato diocesano di servizio (CDS)

§ 1. Il Comitato diocesano di servizio viene costituito nelle diocesi dove sono presenti Gruppi e Comunità del Rinnovamento nello Spirito Santo, tenuto conto del numero delle realtà locali presenti in diocesi, secondo le modalità stabilite dal Regolamento interno
dell’Associazione.

§ 2. Spetta al Comitato diocesano di servizio:
a) promuovere la diffusione della grazia del Rinnovamento, anche attraverso la
costituzione di nuove realtà locali;
b) garantire l’identità carismatica dell’Associazione e promuovere il senso di appartenenza;
c) proporre al Consiglio diocesano le attività comuni secondo gli indirizzi generali dell’Associazione;
d) sostenere e verificare in un fraterno accompagnamento l’attività pastorale delle realtà locali;
e) proporre il riconoscimento delle realtà locali al Comitato regionale di servizio.

§ 3. Il Comitato diocesano di servizio è presieduto dal Coordinatore diocesano, di cui all’art. 12. Dove non sia costituito il Comitato diocesano di servizio, il Coordinatore diocesano ne assume le competenze in stretta  collaborazione con il Consiglio diocesano di servizio.